La Magia Salomonica ha i suoi fondamenti nella Cabala, detta anche Ermetica, o Magia Enochiana; le radici di questi antichi insegnamenti esoterici arrivano a noi oggi dal Popolo d’Israele; insegnamenti e riti che fanno parte della Vera Bibbia; nel corpo del Vecchio Testamento sono comprese le Tavole della Legge. Non furono le sole e preziose nozioni che servirono a Re Salomone per costruire il Tempio di Gerusalemme ad essere tramandate, anche importanti conoscenze esoteriche furono svelate direttamente da Dio a Mosè; queste segrete e potenti conoscenze furono conservate e tramandate solo per via orale da pochi eletti.

Da l’immensa sapienza infusa in Re Salomone da Dio deriva la potenza esoterica dei 45 Pentacoli Talismani, dei Sigilli Angelici e dei Sigilli Demoniaci che egli creò e tramandò circa 3000 anni fà, senza dimenticare le importanti e segretissime Claviculas Salomonis che erano e sono la base portante della conoscenza esoterica e ritualistica, con le quali egli parlava direttamente con Dio. Dalle origini di questi insegnamenti si evince la grande importanza dei Riti magici Salomonici che per potenza e forza si dice dell’Alta Magia Salomonica che funziona sempre.

La magia salomonica può mettere l’umano in contatto con la Schiera Angelica di Dio. La famosa Clavicula Salomonis è probabilmente il più celebre trattato di Magia Rituale osteggiata dall’Inquisizione, perchè considerata in quegli anni bui pericolosa. Per molti secoli non si seppe la reale derivazione della Clavicula, ma le parole e le disposizioni dei cerchi magici indicano provenienze babilonesi e semitiche. Entrò a far parte della Magia Occidentale attraverso gli gnositici e cabalisti. La magia salomonica e la Chiave di Salomone furono tradotte in diversi grimori.

I grimori sono testi di magia rituale, consideriamo che ogni mago può scrivere un suo grimorio, frutto di sperimentazioni e di insegnamenti orali. Per praticare gli Insegnamenti Salomonici bisogna essere dotati di particolari capacità sensoriali e conoscenze a fondo gli insegnamenti esoterici. Non vi sono schiere di soggetti con queste caratteristiche ma ve ne sono in numero sufficiente in grado di praticare i Riti magici Salomonici. I rituali salomonici comprendono un grande studio e forte conoscenza della materia. Capita sovente che si senta parlare di magia salomonica confondendo la Chiave di Salomone con il Lemegeton, testo che parla di spiriti infernali, e non di angeli delle schiere salomoniche.

La magia salomonica impiega molto tempo a distinguere i tempi, le ore magiche, e i materiali magici, esistono delle tavole indicanti le ore planetarie nelle quali agire, i giorni prediletti e altri dettagli. Il fatto che non sia possibile visionare testi di magia salomonica originali, mette spesso in discussione tale materia, tuttavia è come mettere in discussione i Vangeli, un atto di fede è dovuto.

I riti d’amore salomonici: rituale di Venere.

Di grande importanza e molto ambiti sono i Legamenti d’Amore di Magia Salomonica, questi particolari riti agiscono sui principi naturali dell’energia, ovvero non obbligano e non impongono un sentimento, non forzano la nascita del medesimo ma fanno leva su attrazioni interiori e le portano in superficie, liberano da litigi e malintesi e liberano l’amore se impedito e osteggiato da terze persone. L’operatore agisce in modo che il sentimento cresca libero e che si consolidi. Non è una forma di plagio ma un rito mistico a favore delle alte energie benefiche che vengono riequilibrate attraverso la magia salomonica.

Il rituale di Venere entra di diritto nei riti planetari, o meglio nella fabbricazione dei pentacoli planetari che Re Salomone riteneva indispensabili alla riuscita del rito. Uno dei riti più conosciuti dell’alta magia salomonica è appunto il rito di Venere, che si poggia sul pentacolo di Venere ove sono iscritti i nomi degli angeli, come Anael, principe di Venere e dell’amore. Attraverso i pentacoli di Venere, che sono più d’uno, si otterrebbe il ricongiungimento così come l’amicizia o il farsi ben volere. Il pentacolo di Venere nella sua trascrizione in pergamena o con l’incisione sui metalli resta senz’altro una delle applicazioni concrete della sapiente magia salomonica per questioni sentimentali. Anche se parliamo di Alta Magia Cerimoniale, resta chiaro l’adeguamento ai nostri tempi grazie anche alle sperimentazioni avute dalla rielaborazione dei grimori.

Tutta la Magia deriva dai Riti magici salomonici

Tutte le conoscenze magiche e rituali derivano e si basano sulla Magia Salomonica o Kabbalah, tutto il sapere e la conoscenza magica nel mondo hanno avuto origine da Re Salomone; senza escludere la Magia Thailandese e il Voodoo ; ogni forma rituale e magica ramificatasi nel mondo ha origine dalla Magia Israeliana di Re Salomone; altre forme di magia salomonica cerimoniale, invece provengono dagli scritti Cabalistici che risalgono a dopo la morte di Gesù Cristo. I dettami sui circoli di protezione derivano proprio da Salomone, spunto interessante per gli appassionati di film dove si eseguono invocazioni. E’ bene ricordare infatti che sulla Chiave di Salomone è specificato che nessuna operazione concernente gli spiriti può essere effettuata senza tracciare e consacrare il Circolo magico, dopo che il mago si è purificato naturalmente.

Sigilli magici e sigilli salomonici

Solo nella Chiave di Salomone ci sono tutte le indicazioni su come gestire tutto questo rito preparatorio. Infine la Chiave di Salomone indica chiaramente che chiunque voglia praticare l’alta magia salomonica deve conoscere l’arte di fabbricare i pentacoli salomonici. Quando si parla di sigilli magici è chiaro che si ricordano i sigilli salomonici non sono altro che tali pentacoli, ovvero delle chiavi di apertura necessarie alla magia cerimoniale per eseguire con precisione la vera magia salomonica.

Fonte: www.chrysopoeia.blog/category/rituali/

 

 

Per Approfondimenti e Consulenze in Materie Esoteriche

contattami

Alexander cell. 3713560238

Call Now ButtonChiama Subito