Esorcismo di San Cipriano

Se si ha la sensazione di essere vittime di qualche maleficio oppure semplicemente ci sentiamo attanagliati dalla negatività, si può chiedere aiuto a San Cipriano attraverso la sua preghiera di esorcismo.

La leggenda di San Cipriano narra che fosse uno stregone potentissimo, e una volta convertitosi al cristianesimo divenne paladino della giustizia e difensore da ogni tipo di male. L’esorcismo di San Cipriano può essere recitato per noi e per gli altri, possiamo operare anche a loro insaputa (ovviamente solo per scopi benevoli)

 

Esorcismo di San Cipriano contro gli incantesimi e sortilegi

Come servo di Dio e creatura sua, sciolgo dallo spirito maligno quanto esso tiene legato. Nel nome del Divino Creatore che amo con tutto il cuore, l’anima e i sensi e che prometto di adorare eternamente grato di quei benefici che quel padre amoroso mi elargisce senza misura io ti ordino, spirito del male, di separarti all’istante da questo corpo tormentato affinché possa ricevere degnamente le aspersioni di Acqua Benedetta che gli verso sopra quale pioggia divina dicendo:

“Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo che vive e regna eternamente per la virtù degli spiriti superiori Adonay, Eloim, Jeohvam la cui presenza e potere invoco in questo atto. Amen. Nel nome del Santo Cipriano e da parte di Dio tre volte santo, per la podestà degli spiriti superiori Adonay, Eloim, Jeohva e Mitraton io ( pronunzia il tuo nome ) benedico il corpo di ( pronunzia il suo nome ) perché sia protetto e liberato da tutti i malefici, incantesimi e sortilegi prodotti a lui ( lei ) da uomini, donne o qualsiasi altra causa. Dio sia lodato e glorificato perché si degni di ordinare che siano sciolti distrutti e annientati tutti i sortilegi affinché il corpo di (pronuncia il suo nome) sia liberato dai mali che lo affliggono. Sia il tuo nome glorificato Dio grande e sovrano per la tua intercessione.
Gli spiriti maligni siano messi in fuga dal corpo di (pronuncia il suo nome) e cessi all’istante il sortilegio che tanto danno gli ha procurato. Io vi scongiuro, vi mando dispersi, perché non possiate entrare mai più in questo corpo sul quale faccio 3 croci e lo benedico. Nel nome del Padre (croce sulla fronte) del Figlio (croce sul petto) e dello Spirito Santo (croce sull’ombelico) Perché sia protetto e salvato da nuovi tormenti Così sia.”