Che cos’è il Feng Shui

Feng Shui si pronuncia Fong Shué, affonda le sue radici nel Tao, nel Buddhismo e nel Tantra Tibetano. Secondo la filosofia Orientale l’energia universale nasce in Tibet sul monte Kunlun, è fortissima sulle cime e vicino a fiumi tumultuosi, si calma nelle valli e nei pressi di laghi. Nel Feng Shui i guardiani dello spazio sono simboleggiati dalla tartaruga nera a nord, il drago verde a est, la fenice rossa a sud, la tigre bianca ad ovest, al centro si trova il serpente che rappresenta l’equilibrio tra gli elementi. La corrispondenza degli animali celesti con i cinque elementi sono: Serpente-Terra; Drago-Legno; Tigre-Metallo; Fenice-Fuoco; Tartaruga-Acqua. Lo scopo del Feng Shui è di comprendere i segni naturali o artificiali di un sito (terreno- casa- abitazione- negozio- attività) armonizzando gli ambienti attraverso la disposizione negli spazi di arredi, oggetti, materiali, forme e colori, ristabilendo l’equilibrio corretto dei flussi energetici.

Le varie scuole del Feng Shui sono:

– Scuola della Forma – Cinque Elementi – Ba Zai – Compasso – Stelle Volanti – San He – Ba Gua – Berretti Neri

La Consulenza Feng Shui:

La consulenza Feng Shui è sempre individuale, ogni individuo reagirà diversamente alla struttura energetica di un terreno, appartamento, villa o negozio condizionato dalle proprie esperienze, dai propri bisogni, dalle necessità del momento e dal suo bagaglio genetico. Il Feng Shui associa la persona ad un numero Kua e ad un Elemento, determinati dalla data, ora di nascita e dal sesso. In relazione al calendario cinese Agreste che comincia il 4 febbraio e non il primo gennaio. Se la data di nascita capita tra queste due date, bisogna considerare l’anno precedente. Esempio: data di nascita: 15/01/2002 per il calcolo del numero Kua vale l’anno 2001. I numeri Kua possono essere dall’1 al 9, tranne il numero 5 che per gli uomini sarà sostituito dal 2 e per le donne dall’ 8. Il Kua divide le persone in due gruppi: quelle che appartengono all’Est (1, 3, 4 e 9) e quelle che appartengono all’Ovest (2, 6, 7 e 8) Nel Feng Shui ci sono cinque elementi, diversi dai quattro utilizzati in (astrologia occidentale) sono: LEGNO; FUOCO; TERRA; METALLO; ACQUA. L’elemento ARIA non è presente perché la sua funzione e quella di trasportare appunto l’energie FENG SHUI.

Calcolo Numero Kua:

Un modo per identificare la nostra energia personale è attraverso quello che per il Feng Shui si chiama Numero Kua. Kua infatti significa “trigramma” o numero. Ci sono otto Kua assegnati alle otto direzioni fondamentali: Nord, Sud, Est, Ovest, NE, NO, SE, SO. E’ quindi possibile calcolare il Numero Personale attraverso l’anno di nascita. La procedura è diversa per gli uomini e per le donne. Per gli uomini si ottiene riducendo ad un unico numero le ultime due cifre dell’anno di nascita e sottraendo a questo 10.

Esempio: 1965 = 6+5 = 11 (1+1) = 10-2 = 8

Per le donne invece di sottrarre 10, bisogna aggiungere 5.

Esempio: 1965 = 6+5 = 11(1+1) = 5+2 = 7

I numeri Kua possono essere dall’1 al 9, tranne il numero 5 che per gli uomini sarà sostituito dal 2 e per le donne dall’ 8. Il Kua divide le persone in due gruppi: quelle che appartengono all’Est (1, 3, 4 e 9) e quelle che appartengono all’Ovest (2, 6, 7 e 8). Secondo il tuo numero sarà possibile stabilire quali sono gli angoli favorevoli per te, della tua casa. Ogni punto cardinale esprime un’energia e a seconda del tuo Kua, scoprirai a quale tipo di energia sei più o meno sensibile.

Come calcolare il proprio Elemento:

Ad ogni elemento sono associati due numeri attraverso i quali ogni individuo potrà desumere i lati positivi o negativi della propria costituzione e indole:

Legno 1 e 2 – Fuoco 3 e 4 – Terra 5 e 6 – Metallo 7 e 8 – Acqua 9 e 0

Per determinare il proprio numero e relativo elemento è necessario un calcolo, che è differente per uomini e donne.

Uomini: Si deve sottrarre dal numero 100 le ultime due cifre del proprio anno di nascita, quindi dividere il risultato per 9. Nella maggior parte dei casi si ottiene un numero decimale, il cosiddetto “resto”. L’unica cifra che interessa è proprio quella che compare dopo la virgola. L’assenza del decimale viene calcolata zero e quella sarà la cifra da considerare.

Donne: Alle due ultime cifre della data di nascita si deve sottrarre il numero 4 e dividere poi per 9. Anche in questo caso la cifra dovrebbe avere un numero decimale, quello utile per individuare l’elemento. Se il risultato non dovesse avere un numero decimale, vale la regola dello zero.

Ognuno di noi, in base al proprio numero Kua, avrà zone più o meno propizie all’interno di un ambiente che andranno ad alimentare o meno la propria energia personale. In base alla teoria dei Cinque Elementi è assolutamente necessario associare l’elemento corrispondente della persona con l’elemento corrispondente ad una specifica zona della casa o attività, la stessa dovrà essere attivata con oggetti o simboli, richiamando la funzione e l’obiettivo che si vuole ottenere. Come insegna la Scuola del Bagua non si devono fare modifiche strutturali al sito (casa o azienda) si può intervenire armonizzando eventuali dissonanze con la disposizione di arredi, materiali, oggetti, colori o forme.

Il Ki  o CH’I’ dal significato letterale soffio di vento è essenzialmente la manifestazione del Tao attraverso il ciclo dello Yin e dello Yang. È l’energia che pervade e vitalizza tutte le cose dell’universo. Il Ki nell’uomo è sempre presente e disponibile, può essere potenziato e utilizzato attraverso specifici movimenti del corpo, tramite la respirazione e la meditazione. Praticando gli esercizi del Ki si percepirà una serie di benefici (rilassamento, potenziamento delle capacità mentali, sonno ristoratore, maggiore fiducia in se stessi, tranquillità, serenità e calma)

Popoli e Paesi con nomi differenti parlano del Kì

  • India – Prana
  • Cina – Ch’i o Gi
  • Coreano – Ci
  • Polinesiano – Mana
  • Latino – Spiritus
  • Greco – Pneuma
  • Giappone – Ki
  • Egitto antico – Ka

Seconda la filosofia orientale per sintonizzarsi con l’energia vitale (Kì) si deve:

  • Prendere coscienza della sua esistenza
  • Scegliere di entrare in contatto con questa energia con la propria volontà
  • Praticare gli esercizi del Kì  (esercizi fisici, respirazione, meditazione, concentrazione)
  • Fare esercizi mirati in modo da rendere il corpo morbido e flessibile
  • Affrontare le proprie resistenze interiori
  • Aprirsi al bene

 

Alcuni esempi di come i campi energetici possono agire sulle persone:

  • Cambiare letto (direzione punto cardinale) può interferire sul sonno
  • Le piante in certe zone della casa sono sofferenti, in altre godono di un ottimo benessere (direzione punto cardinale, energia del sole)
  • I colori caldi e freddi e la loro influenza sul corpo umano
  • I suoni i canti e i mantra sono vere sorgenti di energia positiva, creata dal potere vibratorio del suono e delle parole.
  • Il Cenacolo di Leonardo ha problemi di conservazione dovuta ad una esposizione della parete del muro verso Nord (problemi di condensa)
  • Perché preferiamo trascorrere più tempo in certe zone della nostra casa o attività rispetto ad altre, nei bambini e negli animali troviamo l’esempio eclatante, dal resto il loro comportamento e istintivamente inconscio (l‘istinto è l‘impulso ad un‘attività senza motivazione conscia proveniente da una costrizione interiore). Gli adulti occidentali sono completamente scollegati dal loro istinto preferendo l’estetica e la comodità all’equlibrio energetico, quindi ad un benessere generale. L’istinto avverte sempre su determinati luoghi a noi favorevoli o con delle Geopatie (alterazioni magnetiche)
  • I bambini non vogliono sapere di addormentarsi nel loro lettino ma preferiscono altri luoghi (sul divano, sulla moquette, sul cavallino a dondolo ecc.)
  • Gli animali come cani e gatti cercano per il loro riposo alcune zone della casa in apparenza per noi scomode (pavimento freddo, rispetto ad una calda cuccia)

Alcune regole della disciplina Feng Shui:

  • Ordine devi liberarti del superfluo, devi buttare le cose inutili.
  • Le mura degli edifici si impregnano delle energie degli occupanti, pertanto informarsi su chi ci ha vissuto.
  • Ogni oggetto ha un’onda di forma, la stessa possiede una memoria, ricorda i luoghi di provenienza e dei luoghi dove è passata, sostanzialmente possiede informazioni che possono essere positive o dissonanti. Analizzare l’oggetto prima di inserirlo in una abitazione o attività.
  • I colori che decorano una casa sono molto importanti per favorire l’energie.
  • Le finestre devono permettere di sfruttare la luce esterna se queste danno su una strada trafficata vanno protette con tende di colore chiaro, che non ostacolino troppo la luce naturale.
  • I materiali devono essere naturali quindi la pietra, l’argilla, i mattoni, il legno ecc.
  • Le scale di una casa dovrebbero essere armoniose, costituite con materiali naturali e formate da gradini di altezza uguali tra loro.
  • L’acqua, elemento legato al denaro e alla comunicazione, deve essere sempre presente negli ambienti della casa.
  • Per migliorare il Chi dell’ingresso, sarebbe quella di aggiungere delle piante che facciano fluire le energie positive per tutta la casa.
  • Uno specchio è una buona idea, potete appenderlo nei pressi della porta di ingresso, ma non di fronte perché disperderebbe le energie. Uno specchio va sempre posizionato ad una altezza giusta, mai troppo in basso.
  • La porta d’ingresso non deve aprirsi direttamente su una finestra, scala, bagno, pilastro, spigolo, specchio, camera, cucina, soggiorno.
  • Evitare corridoi lunghi, le porte e finestre non devono essere poste una di fronte all’altra.
  • Favorire la circolazione energetica e quindi tenere spesso le finestre aperte, soprattutto quelle a nord e a sud.
  • Posizionare le indispensabili apparecchiature elettriche alla dovuta distanza, in genere un metro dalla persona.
  • Sfere o mattonelle di vetro, catturano i raggi del Sole e la emettono nella stanza, incanalano anche ll Chi aggressivo o ammassato e lo diffondano.
  • I cristalli sono attivatori del Ch’ì, sono molto utili soprattutto quando non si possono attuare altre misure di correzione. Si possono appendere nelle varie zone del Bagua per rafforzarle, è sempre consigliato posizionarli in modo da non renderli visibili.
  • Luci lampade e candele, considerate simboli del Sole, energia maschile, rafforzano e migliorano il Chi, collocarle lunghi i lati delle stanze o negli angoli in modo da fluire l’energie in tutto l’ambiente.
  • Campane a vento, servono a modificare e disperdere il Chi aggressivo, attirano denaro, prosperità, benessere, metterle fuori dalla porta d’ingresso o nella stanza che si vuole armonizzare.
  • Piante e fiori, simbolo di vita, creazione e crescita, favoriscono il Chi, sono da preferire le piante con foglie rotonde e morbide. Le piante appuntite o che pungono possono essere usate per proteggersi da situazioni dissonanti. Posizionare una pianta in ufficio può rappresentare la crescita dell’attività.
  • Acquari e vasche di pesci vivi, questo simbolo porta fortuna.
  • Oggetti mobili, tipo banderuole, girandole, fontanelle disperdono l’energie stagnanti e aggressive, simboleggiano l’acqua, quindi favoriscono la ricchezza. Sono usate anche per l’esterno per correggere le frecce segrete indotte dalle strade ecc.
  • Pietre o Statue, riequilibrano le forme che pendono da una parte sola.
  • Flauti, armonizzatori di pace, portatori di buone notizie, un flauto appeso in casa porterà prosperità e ricchezza. Il suo aspetto simile ad una spada simbolicamente terrà allontanati nemici e curiosi.
  • Frecce segrete, lo Sha Ch’ì (energia dissonante) viene creato soprattutto nelle fenditure del terreno, nelle faglie sotterranee, nelle gole, e nei canali puntati contro il sito (angoli edifici, angoli strade, strade che finiscono direttamente nella porta d’ingresso, cavi elettrici e telefonici, tunnel, linee ferroviarie, i lampioni, gli alberi difronte casa se questa è a Sud,. Gli alberi sono da posizionare al Nord della casa. Per deviare le frecce segrete si possono usare degli specchi a forma ottagonale.
  • Lampada in cristallo di sale è sempre utile per ionizzare e purificare un ambiente, emana una luce calda e rilassante.
  • Illuminare con un faretto un angolo buio della casa o attività, la luce rappresenta benessere e prosperità
  • Buttare via un mazzo di fiori secchi, nel Feng Shui ristagna l’energia.
  • Sostituire uno zerbino vecchio che imbruttisce l’ingresso della casa (senso di povertà) con uno nuovo che suggerisce pulizia e benessere.
  • Posizionare un simbolo portafortuna o protettore vicino all’ingresso quali elefante, tartaruga, leone, aquila.
  • Pulire le finestre per stimolare la visione chiara sulla nostra vita e sul cammino da intraprendere.
  • Riparare un rubinetto che gocciala (la perdita può rappresentare la perdita economica)
  • Un oggetto naturale trovato in natura (pietre, cristalli, minerali, legnetti ecc.) possono essere utili nell’aumentare l’energia in una determinata zona del BaGua, riconoscendo a questi oggetti una particolare energia collegata ai posti dai quali provengono. Solitariamente gli oggetti naturali raccolti durante una vacanza hanno una energia molto positiva.

 

Lo scopo del Feng Shui è portare armonia, serenità e prosperità 

 

Per una consulenza Feng Shui

puoi contattarmi telefonicamente

Consulente Feng Shui Alexander cell. 3713560238

 

Organizzo workshop; incontri; conferenze; giornate e serate sulla conoscenza del FENG SHUI, momenti ricchi di contenuti, curiosità e informazioni su questa antichissima ma contemporanea arte geomantica. Sono disponibile su tutto il Territorio Nazionale presso: Esercizi Pubblici; Studi di Architettura; Associazioni Olistiche; Centri Benessere; Farmacie; Centri Estetici ecc. Per maggiori informazioni Consulente Feng Shui Alexander cell.3713560238

 

puoi scrivermi un’email:

 

 

 

Call Now ButtonChiama Subito